Oddio è lunedì #200 – con Guglielmo Epifani se ne va un pezzo della sinistra italiana

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Guglielmo Epifani ci ha lasciati. Segretario generale della Cgil dal 2002 al 2010
e segretario del Partito Democratico dopo le drammatiche dimissioni di Pierluigi Bersani, Epifani è stata una di quelle figure sindacali e politiche monumentali, di cui oggi sentiamo tanto l’assenza. Persona seria, presente, preparata, capace di coniugare valori e pragmatismo decisionale. Con lui la mia comunità politica del III municipio ha intitolato la sezione del Nuovo Salario a Giovanna Marturano, partigiana, antifascista ed esponente di rilievo del movimento femminista, che da noi aveva la tessera numero 1. Con lui se ne va un pezzo della sinistra italiana e uno di quei dirigenti politici e sindacali capaci di assumersi le responsabilità, senza pretendere nulla in cambio. Una persona perbene e gentile. Con la sua morte dentro di me diventa più sbiadito il ricordo di quell’impegno di piazza travolgente, che ho avuto la fortuna di vivere attivamente durante la mia esperienza amministrativa. Persone come Epifani mi hanno insegnato l’importanza della linearità che dovrebbe sempre orientare l’orizzonte politico da raggiungere. 

In queste settimane siamo tutti impegnati nella campagna per le primarie per la scelta del candidato del centrosinistra a Sindaco di Roma che si terranno il prossimo 20 giugno. Sabato il candidato democratico Roberto Gualtieri ha visitato molti quartieri del VII e del III municipio, dove ho seguito tutte le sue tappe. Siamo stati al Parco Nobile di Settebagni per parlare con i cittadini dei problemi del quartiere e del futuro del Salaria Sport Village, il più grande centro sportivo pubblico di Roma. Al Parco delle Valli dove stiamo ancora aspettando che Roma Capitale ricostruisca il centro anziani Conca d’Oro, andato in fiamme e i cui fondi sono già stati stanziati in bilancio. A Piazza Monte Baldo per parlare di diritti e del futuro dei nostri giovani. Al capolinea della metro Ionio per ragionare del prolungamento della metro B1, che per il III Municipio è un’opera di mobilità strategica e irrinunciabile. E infine al Parco dei sassi di via Eugenio Chiesa, per mettere al centro della prossima azione amministrativa la manutenzione ordinaria e straordinaria di aree verdi, scuole, strade e marciapiedi. Perché la manutenzione dei beni comuni dovrà tornare ad essere la priorità. 

Sono convinto che Gualtieri sia la candidatura più forte e seria per Roma, come stanno dimostrando le sue prime uscite pubbliche. Ne è un esempio la proposta che aveva lanciato nei giorni scorsi per la nomina di un commissario per le 4 Tranvie (Termini-Vaticano-Aurelio, viale Togliatti, via Tiburtina, Termini- Tor Vergata) per il Giubileo, perché altrimenti non si sarebbero realizzate in tempo e una sarebbe uscita dal Recovery Plan. Il Governo l’ha accolta ed è finalmente una buona notizia per Roma. Mentre gli altri parlano sui social e la Sindaca Raggi inaugura targhe sbagliate, il candidato democratico già lavora per il futuro della Capitale, avendo ben chiare quale siano le priorità per rilanciare la città. Aiutiamolo e sosteniamolo. Il 20 giugno è solo l’inizio della battaglia per far rinascere Roma. 

Oggi sono 200 Oddio è lunedì, uno alla settimana per 4 lunghi anni, esattamente da quando abbiamo cominciato a ricostruire il Partito Democratico di Roma, ereditando le macerie della sconfitta elettorale del 2016. Voglio ringraziare ognuna delle persone che ogni settimana mi scrivono, lo commentano, mi fanno i complimenti o mi sollevano critiche per migliorarne i contenuti. È un filo diretto straordinario con tante persone che per stima, affetto e passione condividono un momento settimanale da dedicare alla riflessione politica e sociale. Se oggi il mio impegno è più forte che mai lo devo davvero a tutti quelli che mi hanno sempre sostenuto, soprattutto a coloro che quelle poche volte che ho saltato un articolo, mi hanno scritto preoccupati. Grazie davvero. Questo legame che con le limitazioni del Covid si è persino rafforzato, è una spinta straordinaria. 

Altri articoli