Vigne Nuove, ritirata proposta giunta su rifugio per i senzatetto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

senza tetto«Mi dispiace che nei giorni scorsi si siano create preoccupazioni per via del provvedimento con cui fino al prossimo marzo abbiamo assegnato in comodato d’uso parte del plesso scolastico di via Giulio Pasquati per allestire un servizio di accoglienza per senza tetto nelle settimane più fredde dell’anno. Riteniamo che fosse un servizio necessario al territorio, che rispondeva agli indirizzi che mi ha dettato il Consiglio Municipale tutto e che avrebbe facilitato il recupero completo della struttura per attività sportive e scolastiche. Ciò nonostante non ci sono le condizioni per la realizzazione del servizio e dunque ritireremo la disponibilità data all’utilizzo dell’immobile». È quanto dichiara, in una nota, il presidente del III Municipio, Paolo Marchionne. «Nelle prossime settimane – aggiunge – effettueremo una bonifica delle aree esterne del plesso scolastico e accelereremo i tempi per la pubblicazione del bando per riassegnare la palestra del plesso scolastico per attività sportive, come già previsto dalla Giunta Municipale, che è da sempre un obiettivo qualificante della nostra azione amministrativa e sostanziale per il quartiere Vigne Nuove».

“Pur apprezzando le buone intenzioni della giunta municipale per la realizzazione di un rifugio per i senzatetto, individuato nella struttura di via Pasquati a Vigne Nuove, che però già ospita l’asilo nido La Contea degli Hobbit, condividiamo la scelta di buon senso del presidente Paolo Marchionne di ritirare la proposta, poiché tiene contro dell’ascolto dei cittadini e di parte della maggioranza” lo dichiarano in una nota Riccardo Corbucci, presidente del consiglio del III Municipio, Anna Punzo, presidente della commissione patrimonio, Marzia Maccaroni e Fabrizio Cascapera, presidente e vicepresidente della commissione scuola del III municipio. “L’intento dell’iniziativa è assai nobile ed è del tutto pretestuoso associare i senzatetto alla problematica dei campi nomadi abusivi, come qualche forza politica ha tentato di fare” spiegano i consiglieri della maggioranza “ci auguriamo che un progetto così importante per il municipio possa trovare una location migliore, in grado di non creare frizioni sociali”.

Altri articoli