Viale Adriatico, il IV Municipio toglie il servizio di controllo dei pullman per le gite scolastiche

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

su roma2013.org di Marzia Maccaroni
Un pullman con due classi di bambini a bordo fermo per oltre due ore. Genitori in piedi e al freddo ad aspettare il nulla osta sul pullman che deve portare i propri figli in provincia dell’Aquila per una gita scolastica. La dirigente scolastica dell’IC Viale Adriatico, che vuole il consueto controllo sul mezzo svolto dai vigili urbani del IV gruppo del comandante Marra. Tutto sospeso perché il IV Municipio, uno dei pochi a Roma, ha eliminato il servizio di controllo dei pullman delegandolo alle scuole. Motivo? La carenza di personale. Il tutto avviene alla chetichella il 26 giugno del 2011 quando l’Unità operativa studi della Polizia stradale con una nota (prot. n. 97775) risponde ad una nota del 7 giugno (prot. 41779) nella quale “si concorda sul fatto che nessuna norma del Codice della strada o disposizione interne prevede l’obbligo, per gli organi di polizia stradale, del controllo dei pullman che effettuano gite scolastiche”. La nota continua “tuttavia è da tenere presente che l’effettuazione di tali controlli è ormai una consuetudine, in quanto il personale del corpo vi provvede da lungo tempo. Pertanto, qualora la S.V. lo ritenga attuabile e abbia disponibilità di personale, il controllo potrebbe essere fatto, previo accordo con le direzioni scolastiche, con l’impegno di una sola pattuglia, presso la sede del Gruppo, su tutti i pullman che quel giorno effettuano gite scolastiche”. La S.V. in questione é il comando dei nostri vigili urbani.

Alla luce di quanto scritto, ogni municipio ha quindi discrezione su come procedere. Nel IV è stata subito presa la palla al balzo e con una nota (prot. n. 60624) inviata a tutti gli istituti scolastici del territorio, il comandante del IV Gruppo ha sentenziato: “si fa riferimento alle numerose richieste pervenute da codesti plessi di visita preventiva riferite ai veicoli adibiti al trasporto scolastico. Pur comprendendo le motivazioni alle suddette richieste, si rileva tuttavia che l’adempimento in questione non risulta trovare un espresso riferimento nel vigente Codice della strada. Alla luce di quanto sopra, nonché dell’esigenza di un maggior impiego di personale disponibile per assicurare gli ordinari servizi istituzionali, si comunica che a partire dall’imminente anno scolastico 2011/2012, l’effettuazione delle suddette verifiche non potrà più essere garantita dal personale di questo gruppo di Polizia di Roma Capitale”. In pratica i vigili non certificheranno più che i pullman che trasportano i nostri figli sono in regola e buono stato. A questo punto la responsabilità del controllo spetta direttamente al dirigente scolastico, con un aggravio di spese per la scuola che dovrà avere un tecnico in grado di fare i controlli se vorrà continuare a programmare i viaggi d’istruzione. Un ulteriore taglio che colpisce il mondo della scuola a fronte delle assegnazioni di oltre 200 mila euro a varie associazioni. Quei fondi potevano essere destinati al corpo dei vigili urbani magari? Alla fine i bambini della scuola viale Adriatico sono partiti. Per tutta la mattina il consigliere del Pd Riccardo Corbucci ha provato a convincere la dirigente scolastica a lasciar partire il pullman viste le nuove indicazioni. Ma la dirigente della Montessori si é impuntata fino all’arrivo del Presidente del IV Municipio Cristiano Bonelli, permettendo al pullman di partire soltanto due ore e mezzo dopo, senza dare spiegazioni ai genitori infuriati che avevano chiamato anche i carabinieri per presentare un esposto. “Una brutta figura per il presidente Cristiano Bonelli che continua a tagliare servizi con una mano e ad assegnare risorse pubbliche ad associazioni con l’altra” il commento del vicepresidente Riccardo Corbucci mentre il pullman finalmente partiva. “La preside doveva pensarci prima”. Alcuni genitori che hanno chiesto “cosa è cambiato con l’intervento di Bonelli?”. Bella domanda.

Altri articoli