Settebagni, cantiere senza cartelli di inizio lavori in zona archeologica

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Un cantiere in piena Settebagni all’incrocio fra via Sant’Antonio di Padova e vicolo delle Lucarie nel quale si sta lavorando da settimane. Non ci sono cartelli che indichino l’inizio attività e il permesso di costruzione. Nessun direttore lavori o ditta che si stia occupando degli scavi. Allo stato attuale il tutto sembrerebbe privo di permessi. Per questa ragione ho presentato un’interrogazione urgente per chiedere spiegazioni sul cantiere e su quello che si vorrebbe realizzare, anche in conseguenza delle informazioni raccolte dal blog http://settebagni.forumattivo.com che ha reso pubblico questo articolo.

Tra luglio e novembre 2005 nell’odierna località di Settebagni (tra Via Sant’Antonio da Padova ed angolo Vicolo delle Lucarie) in corrispondenza dell’attuale km 14 della Salaria, durante le indagini archeologiche preventive alla costruzione di un’abitazione civile, si è rinvenuta un’infrastruttura idraulica antica.

Le indagini, non ancora completate e di cui è prevista la prosecuzione, hanno portato alla luce un cassone in muratura per la raccolta e decantazione, a cui si allacciano un condotto di adduzione e due di distribuzione dell’acqua. La struttura centrale, rivestita internamente da uno spesso strato di cocciopesto idraulico, alimenta sul lato ovest, tramite un foro più volte rimaneggiato i due canali di distribuzione, uno ricavato in un unico filare di blocchi di tufo in cui è stato scavato un piccolo condotto a cielo aperto e l’altro, appena più a nord, realizzato con tubi fittili. La prima analisi delle strutture rinvenute ha fatto ipotizzare un lungo periodo di utilizzazione a partire dalla tarda età repubblicana. Nel terreno di riempimento sono stati rinvenuti ceramica comune, pareti di anfore e dolii, lucerne, ceramica di importazione africana, presumibilmente contenuti in livelli di drenaggio del terreno attorno all’impianto. Si può ipotizzare che l’installazione servisse strutture poste più a valle, più vicino al percorso della via Salaria.

Nei prossimi giorni acquisirò la documentazione sulla vicenda e la metterò a dispozione dei comitati di quartiere interessati.

Altri articoli