Oddio è lunedì #211 – la Roma di Roberto Gualtieri dopo i primi 100 giorni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

C’è una notizia che mi ha particolarmente colpito. Alle quattro del mattino di sabato dieci ragazzini ubriachi hanno picchiato un rider di 29 anni di origini afghane che in bicicletta stava facendo una consegna. È successo a Piazza delle Cinque Lune in centro ed è un episodio che segue uno analogo di giugno scorso a Torpignattara. Ragazzini ubriachi che “per gioco” picchiano un lavoratore sotto pagato nel cuore della capitale. L’uomo stava solo cercando di passare in un vicolo stretto diretto a Piazza Navona, chiedendo permesso al muro di giovani che vagabondavano per le strade del centro. Episodi simili sono in aumento nelle notti dello sballo. In molti quartieri della movida gruppi di giovani, sempre più giovani, perdono il controllo e mettono a rischio la serenità di residenti, cittadini e lavoratori della notte. Bisogna fare qualcosa. Il Sindaco Roberto Gualtieri ha varato la settimana scorsa un’ordinanza per chiudere i mini market che vendono alcool a basso prezzo ad ogni ora. Il problema però deve essere affrontato anche da un punto di vista sociale. Servono sicuramente più controlli, ma abbiamo bisogno anche di progetti sociali ed un maggior numero di unità di strada che lavorino con l’obiettivo di prevenire e ridurre la domanda e i rischi connessi all’uso di sostanze psicotrope e alcool. Nelle prossime settimane mi farò promotore di una proposta politica in consiglio comunale. 

Sono trascorsi i primi 100 giorni dell’amministrazione Gualtieri. In questo breve video andato in onda su Canale 12 dico cosa ne penso (clicca qui). Sabato ci siamo riuniti con tutta la squadra degli amministratori per definire l’agenda dei prossimi sei mesi. Sei mesi determinanti per imprimere alla città quel cambiamento di rotta verso sviluppo, efficienza, equità e sostenibilità che i cittadini si aspettano. La scorsa settimana abbiamo avviato la discussione in consiglio comunale sul Piano Urbano della mobilità sostenibile, che voteremo questa settimana e di cui vi parlerò accuratamente lunedì prossimo. Per il momento vi segnalo questo articolo riguardante il grande raccordo anulare delle bici e il suo passaggio all’interno di Villa Ada (clicca qui). Oggi voglio invece soffermarmi sulla questione delle occupazioni di suolo pubblico. Presto terminerà lo stato d’emergenza istituito dal Governo, che consente fino a giugno 2022 la gratuità delle tariffe per pedane e dehors. Quando questo accadrà, in automatico si tornerà al pagamento della tassa per l’occupazione di suolo pubblico. Sulla questione l’assessora al commercio Monica Lucarelli sta facendo un lavoro importante per restituire decoro alla città e per ripristinare le regole. In questa direzione, e con il massimo spirito di collaborazione e confronto, stiamo lavorando ad un regolamento transitorio da attivare alla conclusione dello stato d’emergenza, che comprenderà anche delle modifiche al regolamento sulle Osp e che servirà a dare ossigeno alle attività commerciali colpite dalla crisi economica e al tempo stesso a verificare quelle situazioni che sono fuori dalle regole. È una priorità dell’amministrazione comunale. 

Venerdì il Sindaco di Roma Roberto Gualtieri ha incontrato tanti cittadini di Cinquina in III Municipio. Quattro ore nel quartiere, una camminata di quasi tre chilometri per toccare con mano le criticità più impellenti e dare risposte concrete ai cittadini. Partenza dalla sede della protezione civile di via della Bufalotta, passando per l’area ludica nel parco di via Leonida Repaci, che il Sindaco e l’assessore hanno promesso di riaprire a breve. Poi una visita alla parrocchia di San Domenico Guzman, l’incontro con le famiglie della scuola Lea Garofalo e infine la conclusione della giornata al centro anziani di via Serassi. Una giornata dedicata ad uno dei quartieri della città a ridosso del Grande Raccordo Anulare, a conferma della scelta politica di questa amministrazione di voler entrare nei problemi reali dei cittadini per provare a risolverli. Presenti tanti assessori, consiglieri municipali e ovviamente il Presidente del III Municipio Paolo Emilio Marchionne

Uscito dalla scuola Lea Garofalo, il sindaco è stato raggiunto da un gruppo di genitori degli studenti del Liceo scientifico Nomentano. L’istituto è finito su tutti i giornali a causa delle 210 iscrizioni rifiutate dalla preside per mancanza di aule. Su questa vicenda bisogna raccontare la verità, soprattutto ai genitori dei ragazzi. È il terzo anno di seguito che con il Nomentano abbiamo questi problemi, poichè l’Istituto ha nuovamente e impropriamente aumentato i posti disponili per le iscrizioni, nonostante fosse a conoscenza della carenza di spazi. Questa è la ragione dei disagi agli studenti e alle loro famiglie. Già lo scorso anno mi ero occupato della questione (clicca qui). In tanti si sono avventati sulla notizia a sproposito. Persino Marco Travaglio che evidentemente non conosce come funziona la questione delle iscrizioni alle scuole secondarie superiori. Fortunatamente del problema si sta occupando l’assessore della città metropolitana Daniele Parrucci, che questa mattina ha convocato un tavolo tecnico. Sono convinto che sapremo trovare una soluzione, che non vada a svantaggio di altre scuole e che garantisca il diritto allo studio per i ragazzi che sono la priorità dell’amministrazione. 

Vi ricordo inoltre che oggi pomeriggio alle ore 18.00 si terrà online su Zoom l’iniziativa: “Valore D, l’impatto delle pari opportunità su crescita, sviluppo, diritti e sostenibilità” alla quale interverranno proprio l’assessora alla pari opportunità Monica Lucarelli, la consigliera comunale Giulia Tempesta, il presidente del III Municipio Paolo Marchionne, Federica Rampini, capogruppo Pd del III Municipio, Maria Tarallo, Presidente commissione Pari Opportunità del III Municipio e Flavia Restivo, esponente del Pd Roma. Avrò l’onore di moderare questa bella discussione alla quale vi aspetto. Questo il link per partecipare

Altri articoli