Metro B1, Bonelli e Aurigemma litigano sui parcheggi. Corbucci (Pd): “Non sarà pronto il ponte ciclo pedonale perchè la Regione blocca il parere”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

La Repubblica di oggi 4 settembre 2011 sulla metro B1
La Repubblica di oggi dedica due pagine all’ennesima puntata della soap opera fra l’assessore alla Mobilità Antonello Aurigemma e il Presidente del IV Municipio Cristiano Bonelli. Motivo del contendere la mancata realizzazione dei parcheggi di scambio che non saranno pronti insieme alla fermata, ma ad inizio 2013 (leggi articolo). I parcheggi che non sono stati affidati alla Salini, la ditta appaltatrice della metro B1, saranno a pagamento e verranno realizzati in ritardo e dopo l’inaugurazione della metro. Per questa ragione Bonelli avrebbe presentato un “progetto di parcheggio alternativo all’incrocio fra via Conca d’Oro e via delle Valli: 320 posti per un costo di un milione e mezzo di euro“. Progetto in verità che non è mai transitato per le commissioni e il consiglio del IV Municipio. Secondo l’assessore Aurigemma, tuttavia, “non ci sono i soldi per questo parcheggio che sarebbe uno spreco di denaro poichè l’anno prossimo sarà pronto l’ultimo chilometro della stazione Jonio con relativo parcheggio di scambio“. La Repubblica intervista entrambi (leggi qui). Cosa ancor più grave è che non sarà pronto nemmeno il ponte ciclo pedonale che avrebbe dovuto collegare la fermata della metro B1 di Piazza Conca d’Oro con il quartiere di Sacco Pastore. I lavori sarebbero dovuti partire a metà di quest’anno, come dichiarato dall’Assessore del IV Municipio Antonino Rizzo in risposta ad una mia interrogazione scritta (leggi qui), ma il parere per l’opera è ancora bloccato alla Regione Lazio guidata da Renata Polverini. Insomma come avevamo previsto la maggioranza tutta (Polverini, Alemanno, Aurigemma, Bonelli) non si sta preoccupando di realizzare le opere fondamentali di supporto alla metropolitana. Con il forte rischio di trovarci, fra pochissimi mesi, nel caos o più probabilmente nella necessità di dover procrastinare l’inaugurazione della fermata Conca d’Oro.

Altri articoli