Viale Adriatico, la maggioranza rinvia l’atto in commissione nonostante sit in e raccolta firme dei genitori

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Dal sito www.roma2013.org
«I genitori della struttura scolastica di Viale Adriatico stanno svolgendo un sit-in pacifico all’interno della scuola contro l’assurda decisione di non permettere l’uso antimeridiano della palestra Agnini contigua all’Istituto Comprensivo di viale Adriatico. Il Presidente Bonelli di tutta risposta ha inviato i vigili urbani che hanno chiesto i documenti a tutti i presenti per l’identificazione. I consiglieri del Pd del IV Municipio e altri esponenti del centro-sinistra sono anch’essi nell’edificio e sostengono la protesta dei genitori presenti nel plesso scolastico. I locali di questa struttura pubblica la mattina sono inutilizzati e solo nelle ore pomeridiane vengono adoperati da alcune associazioni che li hanno avuti in assegnazione per finalità sportive. I genitori di della scuola di Viale Adriatico rivendicano per i loro figli la possibilità di effettuare una attività sportiva durante le ore di scuola, una opportunità che il Municipio contro ogni logica didattica e sociale vuole impedire. Nell’esprimere la nostra solidarietà ai genitori riuniti nella scuola di Viale Adriatico stigmatizziamo l’atteggiamento del Presidente Bonelli che scaglia i vigili urbani contro una pacifica dimostrazione di disappunto per una scelta sbagliata che preclude a centinaia di bambini l’attività sportiva». Lo dichiarano in una nota Dario Nanni consigliere comunale e Riccardo Corbucci, vicepresidente del IV Municipio, entrambi esponenti del Pd.

A seguito del sit in i genitori hanno portato in aula consiliare 250 firme raccolte all’uscita di scuola. Nonostante questo, però, la maggioranza ha votato per rimandare l’ordine del giorno in commissione Scuola e Patrimonio. Le opposizioni si sono opposte votando contrario. Assente dal dibattito il Presidente del IV Municipio Cristiano Bonelli.

Possibile leggere le altre dichiarazioni cliccando qui

Altri articoli