Valli-Sacco Pastore, a rischio le strisce blu che tutelano i residenti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

da www.roma2013.org
E’ guerra sulle strisce blu nei qurtieri Valli e Sacco Pastore. Il Presidente del IV Municipio, sempre in bilico sulla sua ricandidatura nel 2013, il 28 settembre scorso ha inviato una nota (clicca qui) agli uffici del campidoglio e all’assessore alla mobilità di Roma Capitale Antonello Aurigemma, per chiedere la riduzione delle aree a sosta tariffata. Secondo Bonelli le richieste arrivano “dai cittadini e dai commercianti del quartiere”. In realtà, tuttavia, l’unico cittadino a cui la nota viene inviata per conoscenza è il commerciante Paolo Noli, presidente dell’associazione commercianti di via Conca d’Oro. Al contrario, fa sapere Corbucci dei Democratici “i residenti ci chiedono di allargare le aree delle strisce blu, poichè queste garantiscono i cittadini che già oggi, nonostante la sosta non sia stata ancora attivata, già trovano grande difficoltà di parcheggio”. Alla nota di Bonelli, l’assessore Aurigemma ha replicato con poche righe (clicca qui) dove spiega: “a fronte della riduzione del 70% delle aree a sosta tariffata” proposta dal presidente del municipio “si procederà a predisporre un provvedimento di revoca della tariffazione della sosta nell’ambito Montesacro, da sottoporre alla giunta capitolina che ne aveva proposto l’attivazione”. Un provvedimento che getterebbe nel caos tutta la zona di Valli e Sacco Pastore, che già ogni giorno vengono prese d’assalto da migliaia di automobilisti che lasciano la loro auto nelle vie del quartiere per prendere la nuova metro B1 e il trenino della Fm1. A protestare sono molti cittadini, che danno la colpa alle esigenze dei commercianti che avrebbero chiesto a Bonelli di mobilitarsi. “Stiamo già raccogliendo le firme come hanno già fatto i residenti di Sacco Pastore” commenta un residente di via Val Padana. La polemica riaccende la nota querelle fra il minisindaco del IV Municipio e l’assessore alla mobilità Aurigemma, che tuttavia era forte di una mozione approvata dal consiglio municipale, che impegnava Bonelli e la giunta all’istituzione della sosta tariffata a Conca d’Oro e Sacco Pastore (clicca qui). Una decisione del consiglio municipale della quale Bonelli non ha tenuto conto, preferendo andare per conto suo e provocando per l’ennesima volta le ire dei cittadini.

Altri articoli