Servizi sociali, approvati gli ordini del giorno su Aec e centri ricreativi estivi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

“Il Consiglio Municipale di oggi ha votato due ordini del giorno del Partito Democratico a tutela degli AEC in servizio presso le scuole di Roma Capitale” è quanto rende noto il capogruppo del Pd in IV Municipio, Paolo Marchionne. “Il primo atto chiede di revocare l’odiosa circolare n. 6435 del 2011 del Dipartimento Politiche Educative e Scolastiche con cui si vieta al personale AEC delle cooperative sociali la fruizione del pasto insieme agli alunni da loro assistiti, e di provvedere – continua Marchionne – a una tempestiva soluzione del problema in sede di elaborazione delle convenzioni con le ditte erogatrici del servizio di refezione scolastica”. “Un provvedimento barbaro che punta a fare cassa risparmiando pochi euro sulla pelle dei lavoratori e sulla qualità dell’integrazione scolastica per gli alunni diversamente abili” ha spiegato Federica Rampini, consigliera Pd e membro della commissione scuola “mentre è la stessa Amministrazione a definire fondamentale per l’educazione e l’integrazione dei bambini diversamente abili il momento del pasto, peccato che da oltre un anno queste bambine e bambini siano lasciati senza sostegno proprio quando sono a mensa”.
“Nel secondo documento approvato stamane si chiede che l’Amministrazione capitolina possa reperire risorse nel bilancio in discussione a favore dei centro ricreativi estivi” aggiungono i consiglieri Pd Riccardo Corbucci e Fabio Dionisi, che sottolineano come “la richiesta serve a garantire l’assistenza nei centri ricreativi ai bambini con disabilità, servizio che lo scorso anno è stato erogato gratuitamente dalle cooperative che si occupano del Saish scuola. La proposta era nata in commissione a seguito delle richieste della Presidente della Consulta per l’Handicap del IV Municipio. L’atto prevede – concludono i consiglieri Pd – che qualora non fosse possibile reperire risorse, i servizi sociali del IV Municipio s’impegnino a dividere l’onere dell’intervento fra tutte le strutture erogatrici di servizi che si occupano di minori in IV Municipio”.

Altri articoli