Scuola, Corbucci-Ellul (Pd): “topi alla Torricella Nord, intervenga la Asl”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

“Chiediamo l’immediato intervento della Asl Roma A presso la scuola materna Torricella Nord, sezione a tempo pieno, dove da giovedì scorso si aggirano alcuni topi liberi di scorrazzare fra i giochi per bambini, le classi e la mensa scolastica” lo dichiarano in una nota Riccardo Corbucci, vicepresidente del consiglio del IV Municipio e membro della commissione scuola e Maria Teresa Ellul, coordinatrice del circolo Pd Nuovo Salario. “Giovedì erano già stati rinvenuti alcuni escrementi di topo, ma nessuno ha avvertito i genitori del pericolo tanto che i bambini hanno comunque mangiato alla mensa scolastica, gestita dalla cooperativa La Cascina. Il giorno seguente le tre classi a tempo pieno della Materna Torricella Nord erano invase dagli escrementi, addirittura vicino ai giochi usati dai bambini, tanto da costringere i genitori più informati a precipitarsi a scuola per riprendere i propri figli, mentre le insegnanti decidevano di spostare i bambini rimasti nello stabile delle elementari” continuano Corbucci ed Ellul “la cosa più grave è che la scuola non ha avvertito immediatamente i genitori, il IV Municipio e la Asl ma ha cercato di provvedere autonomamente mettendo trappole, una delle quali è servita ad uccidere uno dei roditori”. “Attualmente la scuola sta provvedendo a buttare i giochi contaminati, in attesa di un intervento della Multiservizi, ma la cooperativa La Cascina non ha intenzione di rimuovere il cibo venuto a contatto con gli animali, nemmeno dopo le richieste dei rappresentanti dei genitori. Per questa ragione chiediamo un immediato intervento della Asl Roma A e di Roma Capitale affinchè si proceda ad una regolare disinfestazione dell’intera scuola materna e che si provveda immediatamente alla dismissione del cibo presente nella mensa scolastica, per preservare la salute dei 75 bambini, già messa a rischio nelle giornate di giovedì e venerdì scorso”.

Altri articoli