Oddio è lunedì #112 – Un partito democratico unito e aperto per sconfiggere le destre

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Le primarie del Partito Democratico di ieri hanno registrato una grande partecipazione di popolo che ha scelto a larghissima maggioranza come segretario Nicola Zingaretti. A lui deve andare tutto il nostro leale sostegno per affrontare al meglio le prossime elezioni europee e per rafforzare l’opposizione al governo delle destre. Sono convinto che Maurizio Martina e tutti coloro che si sono impegnati in questi mesi con lui sapranno farlo con lealtà e generosità. Le file ai seggi di ieri hanno dimostrato per l’ennesima volta la grande voglia di partecipare alla rigenerazione democratica. Un entusiasmo e una forza che ci caricano di una grande responsabilità e che ci invogliano a proseguire nel nostro impegno quotidiano.

Osservando le tante persone in fila mi è nata nel cuore una rinnovata speranza verso il futuro e mi sono chiesto cosa potrebbe diventare il Partito Democratico se tante di quelle persone in fila ai seggi decidessero di contribuire attivamente alla vita delle sezioni democratiche, se ci aiutassero a veicolare i contenuti della nostra opposizione alla cattiva amministrazione di Roma, se qualcuna volesse iscriversi al partito per renderlo ancora più forte nei territori. La partecipazione alle primarie può rappresentare il primo passo di una nuova stagione politica per i democratici italiani. Una stagione di unità e porte aperte per combattere insieme chi ogni giorno semina odio e rancore. Per questa ragione già dai prossimi giorni saremo nuovamente nelle piazze della nostra città per discutere con tutti i cittadini della nostra idea di Europa. Aprendo le porte delle nostre sezioni a tutte le energie che vorranno darci una mano.

Altri articoli