Municipi, in due mesi saranno ridotti da 19 a 15. Il IV dovrebbe restare come è, ma si chiamerà III.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Un grande centro storico, che comprenda anche Borgo, Prati e l’area di Porta Cavalleggeri. Quindi un asse Ostia-Eur, per realizzare il nuovo polo turistico e fieristico della Capitale. E poi l’accorpamento di alcuni Municipi: il II (Salario-Parioli) con il III (Nomentano-San Lorenzo, il VI (Pigneto-Tor Pignattara) con il VII (Centocelle-Tor Sapienza), il XI (Ostiense-Garbatella) con parte del XII (Torrino, Spinaceto, Tor de’Cenci e l’area più periferica). Sono i punti principali della cosiddetta bozza Cutrufo, disegnata circa un anno fa dall’allora vice sindaco e mai modificata. Nei tagli dei costi della politica, previsti dall’ultima manovra del governo, rientra anche la riforma dei Municipi di Roma, che per legge dovranno passare da 19 a 15. Una riduzione ormai ineluttabile, come quella dei consiglieri comunali (da 60 a 48) e lo stop all’allargamento della giunta, che resterà di 12 assessori. Il IV Municipio dovrebbe invece rimanere nei confini attuali, ma nella nuova divisione cambierà nome diventando il III Municipio.

Altri articoli