Mondiali di Nuoto, Corbucci-Di Stefano (PD): “TAR Lazio sancisce principio di legalità e diritto”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Il cantiere del Salaria Sport Village a Settebagni
«La decisione del Tar del Lazio ribadisce un principio di legalità e diritto». Lo dice, in una nota, Riccardo Corbucci, vicepresidente del consiglio del IV Municipio, in merito alla vicenda dei Mondiali di Nuoto, in particolare al Salaria Sport Village di Settebagni. «In questo momento c’è soddisfazione, è la vittoria di un principio e va dedicata a quelle persone che hanno affrontato questa vicenda mettendoci la faccia, rischiando in prima persona ed avendo ripercussioni lavorative e personali. Questo è l’esempio che questo Paese può cambiare se ognuno fa la propria parte», dice Silvia Di Stefano, coordinatrice del circolo Pd Castel Giubileo-Settebagni.

«Se ci fosse il ricorso al Consiglio di Stato, presieduto da Giovanni De Lise coinvolto nelle indagini sui grandi appalti, ci auguriamo che possano esserci le condizioni necessarie affinché il pronunciamento possa essere libero ed ispirato ai principi del diritto come é stata questa sentenza del TAR del Lazio – continuano – vorremmo ascoltare dal Sindaco Gianni Alemanno e dal Presidente del IV Municipio Cristiano Bonelli al quale oggi in aula abbiamo regalato simbolicamente una ciambella affinché possa galleggiare in queste acque tempestose, una parola di scuse nei confronti dei cittadini romani ed in particolare di quelli di Settebagni».

Altri articoli