Metro B1, Corbucci (Pd): “Valmelaina paga prezzo altissimo per i lavori”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

La fotografia di www.valmelaina.it (Pietro Fusco) dei silos in via della Isole Curzolane al Tufello
“Il quartiere Tufello-Val Melaina sta pagando un prezzo altissimo a causa dei lavori per la fermata della metro B1. Questa notte alle tre il comitato di quartiere Val Melaina ha segnalato l’installazione di una quindicina di silos alti come i palazzi in via delle Isole Curzolane che servono per il pozzo di areazione della fermata” lo dichiara in una nota Riccardo Corbucci, vicepresidente del consiglio del IV Municipio. “I lavori per le fermate della metro B1 Piazza Conca d’Oro e via Scarpanto procedono ed in questi anni hanno creato molti disagi a cittadini e commercianti dei quartieri interessati” continua Corbucci “l’eventuale prolungamento della B1 sino alla Bufalotta con l’attuale proposta della valorizzazione immobiliare non può far altro che aumentare i disagi, perchè inesorabilmente verrebbero costruite prima le abitazioni private che l’infrastruttura metropolitana, causando danni economici ai quartieri, incrementando la popolazione e di fatto congestionando ulteriormente il traffico, già oggi molto caotico”. “Per queste ragioni appare sempre più incomprensibile aver fissato per il 1 agosto la data del consiglio municipale che si occuperà di discutere del prolungamento della metro B1” spiega Corbucci “a meno che l’amministrazione comunale non sia in fase di chiusura del progetto e voglia quindi sbrigare celermente e con poco pubblico la pratica della partecipazione popolare, sancita dalla delibera comunale n. 57 del 2006. Per queste ragioni diventa fondamentale un’ampia partecipazione al consiglio del prossimo 1 agosto per dare un segnale forte all’amministrazione Alemanno-Bonelli”.

Altri articoli

Oddio è lunedì #12

Il mondo è in profonda crisi d’identità. I primi dieci giorni del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump stanno disegnando degli inquietanti scenari per il

Leggi tutto »