Legalità, commemorazione in ricordo del giudice Mario Amato

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Questa mattina si è svolta la commemorazione del giudice Mario Amato, nella ricorrenza del trentaduesimo anno del suo omicidio. A portare un mazzo di fiori sulla stele realizzata nel 2010 a viale Jonio, nel luogo dell’attentato, la consigliera Federica Rampini, presente a rappresentare le Istituzioni insieme a me e al consigliere comunale del Pd Antonio Stampete. Assente il Presidente del IV Municipio Cristiano Bonelli e la sua giunta. La commemorazione istituita nel 2010 su iniziativa di alcuni cittadini del IV Municipio che hanno costituito il “Comitato per la commemorazione del giudice Mario Amato”, ha visto la partecipazione delle forze dell’ordine e di tante persone. Ad introdurre come ogni anno la commemorazione Francesco Avallone che quest’anno ha anche ringraziato Stampete per essere riuscito, grazie all’Acea, ad illuminare la stele con l’installazione di luci sui lampioni. La Stele è un’opera dell’artista Antonio Di Campli ed è realizzata con la stessa pietra della Maiella utilizzata nelle sculture di Ari, il “Paese della memoria”, fatte in onore di chi si è sacrificato nell’adempimento del proprio dovere. Assente la famiglia del giudice, impegnata nell’inaugurazione di una strada intitolata ad Amato a Rovereto. Momenti di commozione nel ricordo di Carla Verbano, presente dal 2010 alla commemorazione e recentemente scomparsa.

Altri articoli