Fidene, Corbucci (PD): “uscito dall’aula per difendere la nostra storia”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

“Sono allibitio per quanto accaduto ieri sul centro anziani Fidene. E’ stato approvato un ordine del giorno, anche dai consiglieri del Partito Democratico che definisce gli anziani che per anni hanno utilizzato la struttura di Largo S. Felicita degli occupanti abusivi” lo denuncia Riccardo Corbucci, vicepresidente del consiglio del IV Municipio. “Ho provato a modificare questo vergognoso ordine del giorno, ricordando all’aula che oggi la struttura di Largo S. Felicita è stata riqualificata e bonificata dall’amianto grazie ad un emendamento del vicecapogruppo del PD in consiglio comunale Fabrizio Panecaldo” spiega Corbucci “la destra di Bonelli vuole prendersi dei meriti che non gli competono e per giunta, invece, di prendersela con chi occupa davvero dei locali della pubblica amministrazione, attacca gli anziani di Fidene che da oltre dieci anni hanno prestato opera di volontariato, restituendo una struttura abbandonata al quartiere”. “Il Presidente Cristiano Bonelli e l’assessore ai Servizi Sociali Francesco Filini, quelli che volevano ad ottobre sgomberare la struttura, oggi se la ritrovano riqualificata senza avere alcun merito. Disconoscono la risoluzione n. 22 dell’8 ottobre 2001 votata dallo stesso Bonelli e la mozione n. 23 del 30 maggio 2007, votata dall’Assessore Filini, che ha sempre riconosciuto il merito agli anziani di Fidene per aver utilizzato queli luoghi per il bene sociale del quartiere” continua Corbucci “sono uscito dall’aula e non ho votato questo ordine del giorno per difendere la nostra storia. Quella del centrosinistra che ha combattuto tanti anni per istituire un centro anziani a Fidene. Un quartiere che non sarà più una borgata non grazie al cambio della toponomastica fatto in questi mesi da Bonelli, bensì quando verrà trattato alla stregua degli altri”.

Altri articoli