Donne, domani sospendere l’errato sportello antiviolenza sarà il nostro flash mob

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

donna lisaDomani 14 febbraio è previsto il flash mob mondiale contro la violenza sulle donne. In tantissime piazze, strade e luoghi simbolo del pianeta, le donne di tutto il mondo danzeranno contro la violenza, gli abusi e i soprusi subiti in tutto il mondo da donne, ragazze e bambine. Anche il IV municipio avrà il suo simbolico flash mob in Piazza Sempione, dove andrà in onda il consiglio municipale in seconda convocazione sulla mozione che chiede la sospensione del servizio di sportello antiviolenza, affidato dal IV Municipio di Cristiano Bonelli, ad un’associazione priva dei requisiti di legge necessari a realizzarlo. Di seguito riporto il comunicato del centro Donna Lisa a seguito del consiglio della settimana scorsa, mentre qui è possibile leggere il commento mio e della collega di Sel Michela Pace.

Il 7 febbraio alla discussione in Consiglio Municipale, dove si sarebbe dovuto votare sulla mozione che chiedeva l’immediata chiusura dello “sportello di ascolto alle donne vittime di violenza”, eravamo presenti in tante e abbiamo movimentato un bel po’ i lavori, che sono stati sospesi un paio di volte e dove siamo
intervenute.. ahinoi! con scarso successo, considerata l’ignoranza e l’ottusità della controparte.

In conclusione, la maggioranza Pdl ha proposto un emendamento dove precisava che lo sportello era uno “SPORTELLO DI ASCOLTO PER LE DONNE, CHE E’ BEN DIVERSO DAL CENTRO ANTIVIOLENZA E DALLE
CASE RIFUGIO”. Ovviamente, l’emendamento ci ha viste assolutamente contrarie e non è stato approvato perché l’opposizione ha fatto venire meno il numero legale. Abbiamo allora chiesto a tutti i centri antiviolenza e alle associazioni di donne di mandare lettere di protesta e di appoggio alla richiesta di chiusura dello sportello via fax e via mail al Presidente del IV Municipio e alla sua Giunta.

Oggi apprendiamo che i fax del Municipio sono tutti staccati, evidentemente hanno paura della lotta e della forza delle donne e preferiscono isolarsi dal mondo.

GIOVEDÌ 14 FEBBRAIO si terrà nuovamente il Consiglio per votare la chiusura dello sportello e noi saremo ancora lì a farci sentire e ribadire la nostra ferma contrarietà a questo servizio inadeguato, inopportuno e potenzialmente pericoloso.

Altri articoli